logo

Culture by Nature

Cuore verde tra due laghi
Da non perdere
Cuore verde tra due laghi

Chiesa di San Lorenzo

Gozzano

La chiesa si trova all’esterno del centro abitato, nei pressi del cimitero e della chiesa di S. Maria del Boggio. La tradizione vuole che sia stata fondata dai fratelli Santi Giuliano e Giulio - in particolare per volontà del primo - alla fine del IV secolo. In ogni caso l’edificio attuale risale al XII secolo pur conservando l’originaria dedicazione a San Lorenzo martire. Recenti indagini archeologiche hanno rinvenuto fondazioni d’età paleocristiana.

La zona absidale è decorata all’esterno da archetti pensili in cotto, posti in serie di tre e divisi da sottili lesene che, a contrasto, scendono su larghe mensole in pietra. Fino al XV secolo S. Lorenzo svolse una funzione cimiteriale, a testimonianza della quale sono state rinvenute numerose sepolture all’interno dell’edificio, alcune riferibili a personaggi di rango elevato. Dalla fine del IX secolo la chiesa iniziò a perdere progressivamente potere in seguito alla costruzione di una nuova, grande basilica - dedicata a san Giuliano - posta sul colle fortificato del borgo e nella quale vennero traslate le spoglie del santo fondatore.

Nel XII secolo l’antica chiesa, ormai in rovina e abbandonata, venne affidata dal presule novarese Litifredo alla cura di laici locali che dovevano restaurarla e riportarla attiva come luogo di culto e preghiera. Per questo il tessuto murario dell’edifico presenta visibili segni di epoca differente: i “restauratori” avrebbero integrato le antiche pareti paleocristiane semidirute con parti del XII secolo. 

Nel corso del XVII secolo fu rimaneggiata, venne aggiunto il porticato sul fronte, la sacrestia e il campanile. All’interno, un’aula unica correttamente orientata si conclude con abside circolare. Lo spazio è suddiviso in campate coperte da archi a tutto sesto, mentre il presbiterio è voltato a botte. Lungo la parete di destra si sono conservati alcuni affreschi quattrocenteschi: un San Lorenzo Martire, una Madonna con Bambino nell’atto di ricevere i doni dei Magi e Santa Chiara.

Chiusa ma visitabile.

Ulteriori informazioni

Tel. +39 0322 913981